.
Annunci online

  coast2coast by InVisigoth the Mad Irish
 
Diario
 


"The tree of liberty must be refreshed from time to time with the blood of patriots and tyrants. It is its natural manure"

Thomas Jefferson


"Democracy is two wolves and a lamb voting on what to have for lunch. Liberty is a well-armed lamb contesting the vote"

Benjamin Franklin




________________________________


Se vedi qualcosa che ti interessa qui sotto sei libero di cliccare o non cliccare...







Politics









Entertainment









Locations of visitors to this page



21 dicembre 2009

Dropkick Murphys

I Dropkick Murphys si sono formati nel 1996 a Boston, nel Massachusetts. La band era inizialmente solo un gruppo di amici che facevano musica per divertirsi. Hanno iniziato suonando nello scantinato di un amico barbiere, con lo scopo di fondere le influenze musicali con cui erano cresciuti (punk rock, folk irlandese, hard core) in un unica melodia forte, chiassosa, caotica, ma anche un po' stonata.

Obiettivo musicale principale della band è creare un ambiente "uno per tutti, tutti per uno" dove ognuno è incoraggiato a partecipare, cantare nella speranza di divertirsi. Nel puro spirito del punk rock, i DM considerano la band e il pubblico come una cosa sola: in altre parole, il loro palco e i loro microfoni sono anche nostri.

Oltre a cercare il divertimento insieme al pubblico, i DM cercano di condividere le loro esperienze e convinzioni sulla solidarietà delle classi lavoratrici, sull'amicizia, sulla lealtà e sul migliorare se stessi come primo passo per migliorare la società.




Nel video, la cover di Wild Rover dei DM, popolare ballata della musica tradizionale irlandese


24 luglio 2009

Save Radio Free Ireland

Radio Free Ireland, trasmisione irlandese repubblicana (nel senso irlandese del termine, quindi favorevole ad un Irlanda unita, non a McCain), sta vivendo un momento di grave difficoltà. La KBOO.FM, emittente dell'Oregon che la diffonde nell'etere, ha di fatto deciso di tagliare drasticamente le trasmissioni di Radio Free Ireland portandola da 1 ora a settimana ad 1 ora al mese pregiudicandone il suo futuro.

L’emittente radiofonica rappresenta però, per la comunità irlandese negli Stati Uniti, la più importante fonte di notizie provenienti dal loro Paese di origine ed un prezioso canale di diffusione della cultura celtica. Ogni settimana da 15 anni, infatti, il giovedì dalle 12 alle 13 sono stati presenti in studio attivisti, politici, musicisti ed altri artisti.


La sede della KBOO a Portland


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. oregon irish americans

permalink | inviato da InVisigoth the mad Irish il 24/7/2009 alle 17:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


15 febbraio 2008

It was a good day

Oggi mi va di rilassarmi un po'. Ho 28 motivi per essere contento e visto l'incombente week-end, non mi va di pensare troppo.
Così, ho messo su 'sto pezzo. "It was a good day", di Ice Cube. Il singolo è del 1993, l'hip hop è vecchia scuola. Quella che fece conoscere all'America la durezza della vita del ghetto. Oggi l'hip hop come genere è decadente, monotematico (quanto son bravo a bere, a fumare, a scoparmi tr*ie). Ma all'inizio l'impatto fu grande, e come genere trascese subito le iniziali caratteristiche razziali, iniziando ad influenzare anche le zone di periferia non afro-americane, come i barrios latini ma anche le zone bianche (gli House of Pain erano irlandesi).
La cronistoria anche dura della realtà di un'altra America, lontana pochi chilometri in linea d'aria dai salotti buoni ma anni luce in quanto a condizioni di vita.

Questa canzone si inserisce in questo filone, ma ha una sua particolarità. La musica, nonostante sia un rap, è molto rilassante, tranquilla. Il testo si delinea nella descrizione di quella che, nel ghetto, poteva essere una buona giornata. E se nelle prime due strofe la banalità di una normale giornata la fa da padrona (basket con gli amici, una partitella d'azzardo, l'aver rimorchiato una facile -a big fat fanny-), l'ultima strofa disarma. "Era una bella giornata, non c'erano elicotteri della polizia che cercavano assassini" ed anche "Forse oggi non sarò costretto ad usare il mio AK". La routine giornaliera, in alcune periferie, è questa...



______________________

La sempre gentile Country Girl mi ha nominato come Blog 10 e lode. Il suo blog è (come il mio) dedicato agli States, ma lei ne sa molto più di me, quindi se vi piace quest'area del mondo... fateci un salto. Non si è ancora convertita al libertarianesimo, ma non lo escludo in futuro!  Scherzo!   :-)


7fee13e17a49b9f24366fe6c454496c9
Da quanto ho capito dovrei copiare il regolamento (ma a me non piacciono i regolamenti, e poi lo avrete visto da qualche parte sicuramente, non vogliatemene), e nominare a mia volta un altro blog.
Fra i tanti che stimo e seguo (oramai gli abbonamenti coi feeds si sprecano), me ne è venuto in mente uno. Vorrei nominare il blog che anche io ho aiutato (minimamente) a curare, quello dei simpatizzanti italiani di Ron Paul. L'entusiasmo che tutti coloro che hanno collaborato ci hanno messo è stato veramente tanto, considerando anche il fatto che non era mediaticamente un candidato interessante per i più. Eppure abbiamo cercato, tradotto, discusso, nonostante molti di noi provenissero da esperienze diverse. Si parla tanto di unità dei liberali: noi, seppur in questa piccola esperienza (che spero continuerà)  siamo riusciti a realizzarla. Paleolibertarian (come me), leftlibertarian, liberali classici, tutti insieme. Allora non è impossibile, se si vuole... Che il Premio 10 e lode sia di buon augurio!
 



15 dicembre 2007

Aryan Brotherhood

Torno a parlare di gangs. Dopo aver raccontato qualcosa in questo post  sulla famigerata gang di origine salvadoregna denominata Mara Salvatrucha (le formiche soldato del Salvador), cambiamo pelle e passiamo alla Fratellanza Ariana.

La Fratellanza Ariana (anche conosciuta come AB, dalle iniziali Aryan Brotherhood) è una gang carceraria statunitense che conta all'incirca quindicimila membri tra detenuti e non. Secondo l'FBI, sebbene il gruppo rappresenti meno dell'1% della popolazione carceraria, è responsabile del 26% degli omicidi che avvengono nelle prigioni americane.

Ogni gruppo facente parte della Fratellanza ariana è guidato da una commissione di tre persone, che controllano le attività della gang (anche se alcuni aspetti variano da prigione a prigione). Solitamente per diventare membri della Fratellanza ariana si devono soddisfare due condizioni: l'essere bianchi e la prova di entrata. Questa consiste nel sistema "blood in, blood out" (sangue per entrare,sangue per uscire): il candidato deve uccidere un altro detenuto per poter far parte della gang (sangue per entrare), e non ne può uscire, pena la morte (sangue per uscire). Come la maggior parte della gang carcerarie, i membri dell'AB portano tatuati simboli di appartenenza: le iniziali AB, svastiche, ragnatele, le rune delle SS, altri simboli nazionalsocialisti, ma anche il trifoglio. Quest'ultimo, anzi, è il simbolo più importante. Il trifoglio è il simbolo dell'Irlanda, ed i primi membri dell'AB erano appunto irlandesi. Un detenuto che portasse tatuato il trifoglio senza essere membro della Fratellanza Ariana correrebbe il rischio di essere ucciso.
Organizzata come un gruppo di supremazia bianca, le attività economiche della gang sono varie: droga, estorsione, omicidi su commissione.
Si ritiene che la nascita della Fratellanza ariana sia avvenuta nel1964, nel carcere di San Quentin. Durante gli anni la gang si è divisa in due parti, una operante all'interno del sistema penitenziario e l'altra all'esterno. Ultimamente, nel 2005 e nel 2006, sono state portate a compimento diverse operazioni di polizia che hanno condotto all'arresto di molti membri dell'organizzazione, e ne hanno ridotto le attività. Questo grazie a Michael Thompson, uno dei nomi leggendari dell'AB, che ha deciso di passare dall'altra parte e collaborare con le autorità, facendo nomi e riferimenti. Oggi Thompson, ancora detenuto, vive sorvegliato 24 ore su 24. La Fratellanza, infatti, lo ha condannato a morte.

La Fratellanza ariana ha una forte allenza con la Mafia Messicana (la Eme) sin dai primi anni '70; inoltre è in contatto con molte gang di motociclisti e altri gruppi di supremazia bianca, ed è nemica degli altri gruppi ispanici ed ovviamente delle gangs afroamericane. La mafia italoamericana della East Coast, quando John Gotti Sr. finì in prigione, chiese protezione per il suo boss proprio alla AB. E solo questo la dice lunga sul potere che questa gang aveva nelle prigioni.







2 dicembre 2007

House Of Pain - Shamrocks And Shenanigans

Intermezzo musicale con un brano del gruppo irlandese americano degli House of Pain, che all'inizio degli anni '90, ben prima di Eminem, dimostrò al mondo che la musica hip hop non era più solo un affare per niggers (detto in senso buono). Questo brano è uno dei miei preferiti (anche se lo preferisco nella versione remixata di Butch Vig), ma lo posto anche per un'altra ragione: se fossi stato lì in mezzo (il video è ambientato nel mondo irish american), nessuno mi avrebbe distinto dagli altri. Chi ha la (s)ventura di conoscermi di persona, infatti, noterà particolari come gli occhiali da sole sempre calati sul naso, il berretto da baseball rigorosamente verde, il giubbetto rigorosamente verde (il mio è della Berkeley University), il modo di muoversi, la pelle bianco-pallido mai abbronzata neanche per sbaglio, capelli cortissimi ed altri dettagli che mi fanno assomigliare a molti fra i protagonisti del video (quindi se volete inquadrarmi fisicamente, è l'occasione giusta). Che a furia di frequentare irlandesi i miei geni siano mutati? Vedremo, per ora ecco tre minuti di "trifogli e tiri mancini"






Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. music irish americans

permalink | inviato da InVisigoth the BountyHunter il 2/12/2007 alle 15:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


17 agosto 2007

il leprecauno? è irish, ma lo vedono i neri

In questo servizio di un tg di qualche tempo fa, alcuni afroamericani raccontano di un leprecauno (il folletto della tradizione irlandese) in un albero. Forse l'essere si sta nascondendo in attesa della GreenCard? Chissà... Nel frattempo i due conduttori del telegiornale sghignazzano che è una bellezza.

Alcuni commenti a questo video:

"mi vergogno di essere nero" (che esagerato!!! un po' di folklore non ha mai ucciso nessuno...)

"i neri vedono i leprecauni, i bianchi vedono i fantasmi, e poi la patente è agli asiatici che non la rilasciano"  (umorismo fine che lascia intravedere del risentimento verso il sistema...)

"datemi l'oro!!"  (ah ah ah... decisamente il mio commento preferito!!)



14 agosto 2007

Una statua per John Wayne

Nell'anno del centenario della sua nascita il mito John Wayne ha avuto l'onore di vedersi rappresentato con una statua a grandezza naturale nel prestigioso museo National Cowboy and Western Heritage in Oklahoma.

John Wayne nacque a Winterset, in Iowa, nel 1907, da padre scozzese e madre irlandese. Il nonno paterno era un veterano della guerra civile. La famiglia era di religione presbiteriana. John Wayne, che in tutta la sua carriera vinse soltanto un Oscar nel 1970 grazie a "Il Grinta", ha recitato in oltre 160 pellicole e morì a Los Angeles (California) nel giugno del 1979 a causa di un fulminante cancro allo stomaco.

Ad assistere alla cerimonia per il nonno c'erano due nipoti del grande John: Anita LaCaba Swift e Nick Kuhle. I due hanno ricordato ai presenti come sia per loro ogni volta uno straordinario onore partecipare a questo tipo di manifestazioni e vedere come gli appassionati di Cinema di tutte le età siano ancora affezionati all'attore-mito nonostante sia morto ormai da quasi 30 anni.

Secondo Wikipedia fu lo stereotipo di un ruvido maschilismo individualista. Secondo me è stato l'ultimo vero uomo di frontiera. Onore a te John, con questo video con in sottofondo "Sunday Morning Coming Down" di Johnny Cash




10 luglio 2007

Dio stramaledica l'inglese (Gordon Brown)

Ammetto di essere prevenuto verso gli inglesi. Sono molto più in confidenza con la comunità irish-american (che appoggia la lotta per l'indipendenza delle 6 contee dell'Ulster). Essendo inoltre un patito della Rivoluzione Americana, il considerare gli inglesi dei vecchi colonialisti beceri è sempre stato normale per me. 
L'era Blair aveva un attimo attenuato questo mio vedere gli inglesi sempre e solo come gli individui dai denti storti e dall'accento assurdo (come da caricatura). Il processo di pace in Ulster con la devolution concessa a quel territorio (seppur in alcuni punti molto discutibile), e l'alleanza di ferro con gli USA mai tradita (a differenza di tedeschi, francesi, spagnoli ed italiani), mi avevano fatto dimenticare l'immagine caricaturale dell'inglese.
Ma da quando c'è Gordon Brown, quell'immagine è ritornata pienamente in auge.
Non che stia seguendo molto la situazione inglese (chi se ne frega, in fondo), ma i due provvedimenti presi da Brown che ho sentito mi hanno fatto rivoltare lo stomaco.
Il primo: in barba al processo di pace in Irlanda del Nord ed al governo biconfessionale protestante-cattolico, su ogni edificio pubblico dovrà obbligatoriamente sventolare l'Union Jack. Come a dire: "che quei porci irlandesi si ricordino che, devolution o no, sono nostri sudditi, e come tali dovranno sentirsi ed agire".
Il secondo: "non bisognerà più utilizzare le parole 'terrorista' ed 'islamico' nella stessa frase. La dizione corretta d'ora in poi sarà 'terroristi che abusivamente utilizzano il riferimento all'Islam', in modo da non offendere nessuno".

Visto che il termine terrorista è ancora utilizzato invece per gli irlandesi appartenenti al Continuity IRA e a The Real IRA, propongo che venga utilizzata la dizione 'repubblicani che usano le maniere forti' in luogo di 'terroristi repubblicani'. O se qualcuno è bianco e cattolico si può offendere tranquillamente, mentre se è un islamico è automaticamente un'anima pia da preservare?



 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. irish americans islamic fascism

permalink | inviato da coast2coast il 10/7/2007 alle 9:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

sfoglia     agosto       
 

 rubriche

Diario
old and new frontiers
Native Americans
sea and navigation
hunting and fishing
paranormal activity
rogues: vigilantes, outlaws, and BHs
libertarian things
XXI Century: American Dream is alive
2nd Amendment
gangs of USA
Letterman and friends
ecology
photography

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

SPIN OFF
Wolverines!!! (tumblr)
Gaelico - Celtic Spirit
_
_
RON PAUL 4 PRESIDENT
r3VOLution MARCH
CAMPAIGN FOR LIBERTY
Free State Project
Libertarian Party
Constitution Party
_
_
Gun Owners of America
Irish American Unity Conference
We are Irish (Canadians)
_
_
Movimento Libertario
_
_
VERY INTERESTING BLOGS
Astrolabio
Atlantic People
Briganti & Libertari
Country Girl
El Boaro
Era Volgare
Il camper di Lontana
Illaicista
Ismael
Italian Bloggers 4 Ron Paul
Joey Atroce
Leonardo Butini
Liberali per Israele
LiberEmanuele
LibertArian
Live at Sin-é
Mapù
MauroD
MolotovCocktail
NomeDelBlog
Orpheus
Pieroni, sinistra libdem
PolitiCrack
Progetto Galileo
Residenclave
Sgembo
Siro
Stato Minimo
Stelle A Strisce
The Five Demands
Venetia Libertarian
Yoshi
Z3ruel

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom

Photobucket Photobucket Photobucket