.
Annunci online

  coast2coast by InVisigoth the Mad Irish
 
Diario
 


"The tree of liberty must be refreshed from time to time with the blood of patriots and tyrants. It is its natural manure"

Thomas Jefferson


"Democracy is two wolves and a lamb voting on what to have for lunch. Liberty is a well-armed lamb contesting the vote"

Benjamin Franklin




________________________________


Se vedi qualcosa che ti interessa qui sotto sei libero di cliccare o non cliccare...







Politics









Entertainment









Locations of visitors to this page



21 dicembre 2009

Dropkick Murphys

I Dropkick Murphys si sono formati nel 1996 a Boston, nel Massachusetts. La band era inizialmente solo un gruppo di amici che facevano musica per divertirsi. Hanno iniziato suonando nello scantinato di un amico barbiere, con lo scopo di fondere le influenze musicali con cui erano cresciuti (punk rock, folk irlandese, hard core) in un unica melodia forte, chiassosa, caotica, ma anche un po' stonata.

Obiettivo musicale principale della band è creare un ambiente "uno per tutti, tutti per uno" dove ognuno è incoraggiato a partecipare, cantare nella speranza di divertirsi. Nel puro spirito del punk rock, i DM considerano la band e il pubblico come una cosa sola: in altre parole, il loro palco e i loro microfoni sono anche nostri.

Oltre a cercare il divertimento insieme al pubblico, i DM cercano di condividere le loro esperienze e convinzioni sulla solidarietà delle classi lavoratrici, sull'amicizia, sulla lealtà e sul migliorare se stessi come primo passo per migliorare la società.




Nel video, la cover di Wild Rover dei DM, popolare ballata della musica tradizionale irlandese


26 giugno 2009

Tutte le favole finiscono (Michael Jackson is dead... RIP)



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. music

permalink | inviato da InVisigoth the mad Irish il 26/6/2009 alle 0:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa


16 maggio 2009

Relapse: We made you (e bentornato)



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. music

permalink | inviato da InVisigoth the mad Irish il 16/5/2009 alle 10:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


15 giugno 2008

"White America" --- Eminem



Primo pezzo (intro esclusa) dell'album "The Eminem Show", del 2002, autobiografico e politico in senso lato. Mentre l'hip hop black oramai è in declino, con testi che al 90% parlano solo di "bere, fumare e scop*rsi tr*ie", e di quanto siano cool le gangs e spararsi nelle strade per nessuna ragione, Eminem è riuscito a farsi portatore, artisticamente parlando, dei figli della classe operaia bianca, di quell'America profonda e del suo stato di disagio, cui nessuno mai guarda salvo per le vicende tipo Columbine (America recentemente offesa pubblicamente da Barack Obama in un discorso davanti ai "lobbysti hippies" di San Francisco). Certo, lo stile di Eminem è provocatore, irriverente, profondamente scorretto, ma i suoi testi sono lontani anni luce dal proporre i modelli negativi del black hip hop; anzi, per il giovane ascoltatore attento non mancano raccomandazioni positive ed inni alla vita (ultima strofa di "Stan", ad esempio). Il problema è quando dalla periferia bianca il suo sound viene udito anche nelle camerette dei ragazzini dei quartieri alti. Il cantare il desiderio di riscatto di quell'America che non ha le associazioni dei diritti civili, i reverendi Jackson e le tematiche razziali da salotto di Oprah Winfrey a puntarle contro i riflettori dà molto più fastidio che l'apologia dello stile di vita suicida proposto dai colleghi neri: "L'Hip Hop non è un problema ad Harlem, solo a Boston", urla a chiare lettere Eminem. Con tanto di fanculo nell'outro di questo pezzo alla moglie del Vicepresidente degli Stati Uniti, Lynne Cheney, ed alla moglie dell'uomo politico all'epoca più in vista dei democratici, Tipper Gore, concordi nel definire i testi di Eminem "indegni della nostra società civile". Quando invece, per l'uso arbitrario del potere l'uno, per l'ipocrisia l'altro (è facile fare i politici liberal anticonformisti quando si hanno milioni di dollari sul conto in banca dovuti proprio al sistema politico contestato da Gore una volta diventato straricco) indegni di una società veramente civile sono proprio i loro due mariti.

White America, I could be one of ur kids...


5 marzo 2008

Ron Paul va avanti

"Ron Paul continuerà la corsa alla Casa Bianca fino a quando i fondi ed il supporto non si esauriranno del tutto", ha detto il suo portavoce Jesse Benton.
John McCain ha raggiunto ieri il numero di delegati necessari alla nomination da parte del Partito Repubblicano, e Mike Huckabee ha annunciato il suo ritiro ed il suo endorsement allo stesso McCain, ma il dottor Paul non si ritirerà fin quando non saranno i suoi sostenitori a chiederglielo.
"Ci sono centinaia di migliaia di supporters in tutto la Nazione, che si stanno dando da fare e stanno lavorando duro per la campagna elettorale. Se loro ci chiedono di andare avanti, noi andiamo avanti. Quando decideranno che è arrivato il momento di spostare la nostra attenzione su altre battaglie, in nome dei valori americani, del governo limitato, della Costituzione, allora ci ritireremo", ha detto Benton.
Come detto dall'inizio, la battaglia è culturale non solo politico-elettorale, e quindi i palloncini ed i cappellini dei supporters di McCain non fanno nè caldo nè freddo. E poi, se il buon vecchio John per qualche motivo non potesse accettare la nomina, visto che tutti gli altri si son ritirati, come funzionerebbe?

Dopo questo enigma della Sfinge, ecco il video di Aimee Allen (unofficial) sulla Ron Paul Revolution. Lei è bellissima, il video pure.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. music ron paul gop

permalink | inviato da InVisigoth the BountyHunter il 5/3/2008 alle 12:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


4 marzo 2008

Jeff Healey: 1966-2008

La malattia che gli aveva portato via la vista quando aveva solo un anno d’età, 40 anni dopo gli ha tolto anche la vita.
Jeff Healey è stato ucciso da quella rara forma di cancro con cui aveva sempre dovuto combattere.
Healey, chitarrista blues e jazzista prodigioso che molti fan ora vorrebbero vedere nella Canada’s Walk of Fame, non si era mai fatto intralciare dal suo handicap, e non a caso aveva intitolato il suo primo album See the Light.
Forse più conosciuto all’estero che in patria, Healey si era aggiudicato numerose nomination sia ai Juno che ai Grammy.
Nella sua lunga carriera ricca di successi c’era stato posto anche per un’apparizione al cinema, in un cameo accanto a Patrick Swayze in Road House. Veramente particolare il suo modo di suonare la chitarra, come fosse un pianoforte. Nel video, una sua interpretazione di "Road House Blues" dei Doors.






Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. music ontario

permalink | inviato da InVisigoth the BountyHunter il 4/3/2008 alle 10:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


15 febbraio 2008

It was a good day

Oggi mi va di rilassarmi un po'. Ho 28 motivi per essere contento e visto l'incombente week-end, non mi va di pensare troppo.
Così, ho messo su 'sto pezzo. "It was a good day", di Ice Cube. Il singolo è del 1993, l'hip hop è vecchia scuola. Quella che fece conoscere all'America la durezza della vita del ghetto. Oggi l'hip hop come genere è decadente, monotematico (quanto son bravo a bere, a fumare, a scoparmi tr*ie). Ma all'inizio l'impatto fu grande, e come genere trascese subito le iniziali caratteristiche razziali, iniziando ad influenzare anche le zone di periferia non afro-americane, come i barrios latini ma anche le zone bianche (gli House of Pain erano irlandesi).
La cronistoria anche dura della realtà di un'altra America, lontana pochi chilometri in linea d'aria dai salotti buoni ma anni luce in quanto a condizioni di vita.

Questa canzone si inserisce in questo filone, ma ha una sua particolarità. La musica, nonostante sia un rap, è molto rilassante, tranquilla. Il testo si delinea nella descrizione di quella che, nel ghetto, poteva essere una buona giornata. E se nelle prime due strofe la banalità di una normale giornata la fa da padrona (basket con gli amici, una partitella d'azzardo, l'aver rimorchiato una facile -a big fat fanny-), l'ultima strofa disarma. "Era una bella giornata, non c'erano elicotteri della polizia che cercavano assassini" ed anche "Forse oggi non sarò costretto ad usare il mio AK". La routine giornaliera, in alcune periferie, è questa...



______________________

La sempre gentile Country Girl mi ha nominato come Blog 10 e lode. Il suo blog è (come il mio) dedicato agli States, ma lei ne sa molto più di me, quindi se vi piace quest'area del mondo... fateci un salto. Non si è ancora convertita al libertarianesimo, ma non lo escludo in futuro!  Scherzo!   :-)


7fee13e17a49b9f24366fe6c454496c9
Da quanto ho capito dovrei copiare il regolamento (ma a me non piacciono i regolamenti, e poi lo avrete visto da qualche parte sicuramente, non vogliatemene), e nominare a mia volta un altro blog.
Fra i tanti che stimo e seguo (oramai gli abbonamenti coi feeds si sprecano), me ne è venuto in mente uno. Vorrei nominare il blog che anche io ho aiutato (minimamente) a curare, quello dei simpatizzanti italiani di Ron Paul. L'entusiasmo che tutti coloro che hanno collaborato ci hanno messo è stato veramente tanto, considerando anche il fatto che non era mediaticamente un candidato interessante per i più. Eppure abbiamo cercato, tradotto, discusso, nonostante molti di noi provenissero da esperienze diverse. Si parla tanto di unità dei liberali: noi, seppur in questa piccola esperienza (che spero continuerà)  siamo riusciti a realizzarla. Paleolibertarian (come me), leftlibertarian, liberali classici, tutti insieme. Allora non è impossibile, se si vuole... Che il Premio 10 e lode sia di buon augurio!
 



24 gennaio 2008

Mitt Romney ed i cani che escono

Il candidato alla Casa Bianca Mitt Romney è a Jacksonville (FL), e posa per una fotografia insieme ad un gruppo di ragazzi afroamericani. Ad un certo punto dice qualcosa...



Ma cosa ha detto esattamente?



Adoro quest'uomo...


17 gennaio 2008

Un parlamentare nero su 3 non appoggia Obama

Barack Obama spacca il "black caucus". Oltre un terzo degli appartenenti al gruppo dei deputati afroamericani infatti non ha dato il suo sostegno al senatore che potrebbe diventare il primo presidente mulatto della storia americana, preferendo puntare su Hillary Clinton o John Edwards. Una scelta, scrive oggi il sito "The Politico", che rischia però di metterli in contrasto con i loro stessi elettori, dal momento che i sondaggi mostrano come l'elettorato afroamericano sia stia spostando verso il senatore dell'Illinois. I blacksauri di un America che non c'è più, come il reverendo Jesse Jackson, sin dall'inizio hanno negato l'appoggio ad Obama, spiegando che il giovane politico non era abbastanza negro per loro (Obama non ha vissuto nei ghetti, non ha provato direttamente la discriminazione, sua madre non si faceva di crack, e cose così).

Ma vediamo in questo video le richieste che l'elettorato afro ha fatto al prossimo presidente: prevalgono i temi sociali, ma anche la richiesta di un'istruzione di qualità, e di una maggior riguardo alle periferie urbane. Mi raccomando, guardate il video, è essenziale nell'economia del post! E poi leggetevi il mio primo commento, che conclude il post...



2 dicembre 2007

House Of Pain - Shamrocks And Shenanigans

Intermezzo musicale con un brano del gruppo irlandese americano degli House of Pain, che all'inizio degli anni '90, ben prima di Eminem, dimostrò al mondo che la musica hip hop non era più solo un affare per niggers (detto in senso buono). Questo brano è uno dei miei preferiti (anche se lo preferisco nella versione remixata di Butch Vig), ma lo posto anche per un'altra ragione: se fossi stato lì in mezzo (il video è ambientato nel mondo irish american), nessuno mi avrebbe distinto dagli altri. Chi ha la (s)ventura di conoscermi di persona, infatti, noterà particolari come gli occhiali da sole sempre calati sul naso, il berretto da baseball rigorosamente verde, il giubbetto rigorosamente verde (il mio è della Berkeley University), il modo di muoversi, la pelle bianco-pallido mai abbronzata neanche per sbaglio, capelli cortissimi ed altri dettagli che mi fanno assomigliare a molti fra i protagonisti del video (quindi se volete inquadrarmi fisicamente, è l'occasione giusta). Che a furia di frequentare irlandesi i miei geni siano mutati? Vedremo, per ora ecco tre minuti di "trifogli e tiri mancini"






Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. music irish americans

permalink | inviato da InVisigoth the BountyHunter il 2/12/2007 alle 15:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


26 settembre 2007

Enigma "Return 2 Innocence" (video)

Un bellissimo video per una bellissima canzone, che con la massima semplicità fa ciò che la musica dovrebbe sempre fare: toccarti nel profondo e non farti stancare mai di ascoltarla...


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. music

permalink | inviato da coast2coast il 26/9/2007 alle 12:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


29 luglio 2007

"Mockingbird" by Eminem (video)

Mentre un giudice ha suggerito all'ex coppia Eminem - Kim Mathers di siglare un accordo che metta al bando gli screzi pubblici fra i due, per evitare di creare problemi alla loro figlia Hailie di 11 anni (dopo i due matrimoni e le due separazioni, si è scatenata una vera e propria lotta all'ultimo sangue su chi dei due rilasciava il maggior numero di dichiarazioni sprezzanti nei confronti dell'altro), io ne approfitto per riproporre questo video di qualche anno fa (tra l'altro molto bello).



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. music hip hop

permalink | inviato da coast2coast il 29/7/2007 alle 11:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     agosto       
 

 rubriche

Diario
old and new frontiers
Native Americans
sea and navigation
hunting and fishing
paranormal activity
rogues: vigilantes, outlaws, and BHs
libertarian things
XXI Century: American Dream is alive
2nd Amendment
gangs of USA
Letterman and friends
ecology
photography

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

SPIN OFF
Wolverines!!! (tumblr)
Gaelico - Celtic Spirit
_
_
RON PAUL 4 PRESIDENT
r3VOLution MARCH
CAMPAIGN FOR LIBERTY
Free State Project
Libertarian Party
Constitution Party
_
_
Gun Owners of America
Irish American Unity Conference
We are Irish (Canadians)
_
_
Movimento Libertario
_
_
VERY INTERESTING BLOGS
Astrolabio
Atlantic People
Briganti & Libertari
Country Girl
El Boaro
Era Volgare
Il camper di Lontana
Illaicista
Ismael
Italian Bloggers 4 Ron Paul
Joey Atroce
Leonardo Butini
Liberali per Israele
LiberEmanuele
LibertArian
Live at Sin-é
Mapù
MauroD
MolotovCocktail
NomeDelBlog
Orpheus
Pieroni, sinistra libdem
PolitiCrack
Progetto Galileo
Residenclave
Sgembo
Siro
Stato Minimo
Stelle A Strisce
The Five Demands
Venetia Libertarian
Yoshi
Z3ruel

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom

Photobucket Photobucket Photobucket