.
Annunci online

  coast2coast by InVisigoth the Mad Irish
 
Diario
 


"The tree of liberty must be refreshed from time to time with the blood of patriots and tyrants. It is its natural manure"

Thomas Jefferson


"Democracy is two wolves and a lamb voting on what to have for lunch. Liberty is a well-armed lamb contesting the vote"

Benjamin Franklin




________________________________


Se vedi qualcosa che ti interessa qui sotto sei libero di cliccare o non cliccare...







Politics









Entertainment









Locations of visitors to this page



22 dicembre 2009

Il popolo degli stati contrari alla riforma di Obama potrebbe non riconfermare i senatori democratici che hanno votato a favore

I senatori democratici avrebbero forse dovuto pensare che, votando una riforma del sistema sanitario che una buona fetta di popolazione non vuole, si sarebbe potuta diffondere l'idea che l'unico democratico buono sia... quello cacciato a pedate dal seggio.

Il senatore in carica del Nord Dakota Byron Dorgan, secondo i sondaggi della Rasmussen Reports, non avrebbe alcuna possibilità di confermare il suo seggio qualora il governatore repubblicano John Hoeven decidesse di concorrere l'anno prossimo per il Senato. I sondaggi danno infatti Hoeven al 58%, con Dorgan al 36%, e con un solo 6% di indecisi.

Com'è possibile un simile smacco? Semplice: la contrarietà della popolazione del Peace Garden State al piano sanitario di Obama è fra le più alte degli stati dell'Unione.

Anche Ben Nelson, senatore democratico del Nebraska - che appartiene all'ala più "conservatrice" dei dems - non sembra passarsela benissimo dopo aver tolto il suo veto alla riforma.

Il rischio di aver votato a favore di una controversa misura che ogni giorno che passa sembra avere, a parte a Washington e tra i liberal europei(sti), sempre meno sostenitori, (al 19 dicembre il 55% dell'opinione pubblica è contrario) è quello di una mancata riconferma al seggio, seduta stante, o quasi, visto che si vota l'anno prossimo.

Con il "rischio" - per Obama, si intende, per noi sarebbe una manna dal cielo - di dover governare con un'anatra zoppa per i prossimi due anni.  



18 dicembre 2009

Obama teme la guerra civile?

Secondo un fantomatico rapporto, consegnato dall'analista politico russo Igor Panarin all'ex primo ministro russo Vladimir Putin, il presidente Barack Obama teme che, prima della fine del prossimo inverno, possano scoppiare rivolte interne sul sul suolo americano, e per questo avrebbe organizzato l'aumento del numero dei soldati di almeno un milione di unità.

Secondo questi rapporti, Obama avrebbe avuto numerosi incontri con i vertici militari aventi ad oggetto il modo migliore per gestire la prevista implosione del sistema bancario della nazione, e al tempo stesso il tentativo di non far perdere agli Stati Uniti l'egemonia militare nel mondo - quest'ultima cosa per i russi sarà estremamente difficile -.

Secondo il rapporto, l'ostilità della popolazione americana verso le ruberie del sistema bancario e verso la FED è cresciuta a dismisura, circostanza che creerebbe un mix esplosivo con l'aumento della disoccupazione e della tassazione, sommato al fatto che circa 220 milioni di americani sono armati e pronti ad esplodere.



E' da un po' che non vado a colazione con Barack o Vladimir, quindi non posso confermare queste parole che ho trovato in un forum. Alla sensibilità di ciascuno il compito di valutarle come assurde o verosimili


17 dicembre 2009

Cosa regalo al mio amico ne*ro quest'anno?

... è la domanda a cui vuol rispondere una delle guida che l'autorevole New York Times ha lanciato per questa stagione natalizia. "Non è difficile trovare un regalo fatto da e per la gente di colore", è il sottotitolo a firma dell'afroamericana Simone S. Olivier.

La guida è varia, si va dalle sciarpe ai videogiochi di Barack Obama per i bambini, dalle crociere a particolari make-up. Non solo per appartenenti alle comunità nere, ma anche asiatiche e ispaniche.

In realtà la notizia non sarebbe tale (perché è evidente nel sottotitolo lo scopo della guida: individuare prodotti fatti da aziende afroamericane etc... una sorta di made in black, o in yellow, o in latin che può far apprezzare di più il regalo a chi fa parte di quelle comunità... ma anche a chi non ne fa parte), ma vedere la parte peggiore dei conservatori - quelli che a distanza di un anno continuano ancora a dire che Obama non è nato in America, o che è musulmano - accusare di razzismo il NYT e i fanatici democratici del politicamente corretto girarsi intorno incerti sul da farsi e in preda ad una crisi di identità - il giornale che ho seguito per anni è razzista? l'afroamericana Olivier è razzista? io sono razzista? - è veramente divertente. Per non parlare poi dei bloggers italiani che commentando la notizia cercano di fare ironia ipotizzando guide "per gente dagli occhi azzurri e capelli biondi" in preda a crisi di antiamericanismo compulsivo.



4 agosto 2009

Hai mai danzato con Lenin in una notte di luna piena?

Una divertente versione di Barack Obama sta tappezzando Los Angeles in queste ore. Il presidente americano è ritratto nelle vesti di Joker, il cattivo di Batman.

Un poster che sembra la rivisitazione dark del famoso manifesto neopop elettorale di Shepard Fairey, in cui il leader della Casa Bianca è ritratto nei colori della bandiera a stelle e strisce.

Sotto il volto del Joker, pardon, di Obama, al posto dell'ormai nei fatti tramontata parola "Hope'" compare la scritta "Socialism".

Nessuna ha rivendicato l'operazione, che per ora ha preso di mira soprattutto le rampe d'accesso delle autostrade.



Non è adorabile?


22 luglio 2009

Ron Paul intervistato da Politico.com

"Non ha ancora bombardato l'Iran: il peggio sta nel fatto che probabilmente ci sta ancora pensando".

Così ha risposto Ron Paul alla domanda del magazine Politico.com sul meglio e il peggio  di questi primi sei mesi di Barack Obama da Presidente.


Il consenso del Rappresentante del 14° Distretto Congressuale del Texas ultimamente sta  crescendo, non solo in area  repubblicana ma anche democratica. Naturalmente il famoso magazine non ha lesinato, nel corso del pezzo, qualche velenosa frecciatina (anche se me ne aspettavo di più). Ciònonostante Ron Paul ha detto che è improbabile una sua ricandidatura per il 2012.

"Obama - ha proseguito - ha parlato un po' meglio di come ha agito, ma ha già aumentato il numero delle truppe in Afghanistan e Pakistan. Si è presentato come il candidato della pace "Sì, ci stiamo ritirando dall'Iraq", ma non è stato sincero. Non penso che loro ne abbiano mai avuta la minima intenzione".

"Mi sento voluto dal partito repubblicano metà e metà - ha spiegato - credo ci sia rispetto. Ma non mi hanno mai chiamato per chiedermi "Ciò di cui abbiamo bisogno di sapere da te è come raggiungere l'elettorato più giovane".

"La caratteristica comune di chi collabora con noi è l'energia, energia che chiunque può "avvertire". E noi sappiamo bene che l'energia di un manipolo di persone può guidare una nazione".

E certamente l'iniezione di "idee giovani" secondo Ron Paul non può venire dall'ex governatrice dell'Alaska, Sarah Palin. "I suoi sostenitori sono i repubblicani da Country Club".

"Mi chiedo - ha concluso Paul - in che modo lei pensa di entusiasmare alla politica gli americani dai 15 ai 20 anni. Questa sarebbe una domanda da porle. Perché lei non parla mai di Federal Reserve. Non parla mai troppo di libertà civili, non parla della fallimentare legislazione antidroga, non parla dell'abolizione di questa legislazione, non parla di perseguire chi ha torturato altre persone".






20 giugno 2009

Pagliacch H. Obama



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. barack obama

permalink | inviato da InVisigoth the mad Irish il 20/6/2009 alle 22:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


13 giugno 2009

Obama e stato etico: prove tecniche di comunismo

Barack Obama dice sì al disegno di legge che consentirà al governo americano di esercitare maggiori poteri di controllo sull'industria del tabacco. E parla di un momento "che testimonia davvero i cambiamenti che sono in atto a Washington", dicendosi pronto ad apporre la sua firma alla proposta che ha ottenuto il via libera del Congresso, e che per la prima volta attribuirà all' Fda - agenzia federale di controllo sui farmaci e sui beni alimentari - il potere di intervenire con forza nel settore.

L'Fda potrà decidere di fatto di limitare il contenuto di nicotina nelle sigarette, ma anche di ridurre le campagne pubblicitarie o bandire tutti quei prodotti a base di tabacco che sono concepiti per attrarre i minori. Gli esperti (!!!) non hanno così dubbi: si tratta di un momento storico, che pone l'intera industria del tabacco sotto l'occhio vigile del governo americano (yuppi!!!), che si impegna così ad agire attivamente contro la piaga della dipendenza dal fumo.

Le associazioni antifumo e i democratici esultano (di stronzi il mondo l'è pieno). Per Henry Waxman, deputato democratico e promotore della versione della proposta adottata dalla Camera, il disegno di legge "è la cosa più importante che possiamo fare in questo momento, al fine di ridurre il numero delle vittime del tabacco"  (certo, perché far sì che il Governo contrasti una cosa è il modo migliore per tenerla sotto controllo: mi vengono in mente i successi della lotta alla droga, ad esempio: non esistono più tossici al mondo).

Obama parla così di una norma "che farà la storia, dando agli scienziati, agli esperti medici e all'Fda il potere di fare passi importanti" (sopratutto a quest'ultima, credo...). E l'enfasi è soprattutto sulla necessità di proteggere i più giovani, che sono attratti dal fumo anche grazie all'offerta sul mercato di sigarette dai diversi sapori (eh beh, è risaputo che gli adulti hanno poca voglia di cambiamenti!).


A tal proposito, il governo dirà basta alle parole "light" o "mild" apposte sulle confezioni, le varie sigarette saporite saranno impedite ai minori. L'Fda potrà anche decidere di chiedere ai colossi del tabacco di cambiare gli ingredienti, inclusi la nicotina e il catrame (la sigaretta di stato non fa male, come in Italia ad esempio, dove uccidono sol quelle di contrabbando).

L'agenzia potrà chiedere ai colossi del tabacco di rivelare anche il contenuto dei loro prodotti, e avrà anche l'ultima parola nel lancio di nuove campagne di marketing (Nicotama, la sigaretta di Barack Obama). Dal canto suo Altria Group, la conglomerata che controlla Philip Morris Usa, ha diffuso un comunicato in cui si è detta favorevole all'arrivo di "una regomantazione federale severa ma ragionevole sui prodotti del tabacco".

Fra le voci contrarie Howard Cole, deputato repubblicano (ne esistono ancora di non addormentati?), ha affermato che la gente del suo stato, la Carolina del Nord, "crede che nel consentire all'Fda di controllare l'industria del tabacco, si farà un passo verso quella situazione in cui l'agenzia controllerà, alla fine, anche le aziende familiari" (deo gratias).

E spuntano voci di programma del governo, che vorrebbe tassare cibi e bevande troppo zuccherati o grassi (ma va?). E' giusto dire ai cittadini cosa mangiare? Per gli europei, i comunisti e gli statalisti evidentemente sì.


Lo stato che inizia a decidere cosa è buono per te: nella storia l'anticamera di fascismo e comunismo. Il dramma, come al solito, sono i tanti che dicono che va bene così.


7 giugno 2009

Gli zombies hanno votato per Obama?

Il quotidiano Minnesota Majority ha scoperto che, alcuni cittadini che sono deceduti prima del 4 novembre 2008, che avevano votato in una consultazione precedente, hanno espresso il loro voto anche alle scorse presidenziali. Sono circa 2.800 i "morti" che hanno espresso il loro voto.

Non è dato sapere in che modo questi zombies abbiano votato. Sta di fatto che il Minnesota è uno degli stati in cui ha vinto Obama...





9 maggio 2009

Anche l'Oklahoma minaccia la secessione per le continue violazioni della Costituzione di Obama

Se anche il Senato dell’Oklahoma voterà a favore della proposta, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama potrà vedere arrivare presto sulla sua scrivania una legge che riconoscerà la sovranità allo stato americano e che di fatto dirà a Washington di conformarsi ai poteri federali e di non andare oltre a interferire negli stati.

L’ultimo vento di "secessione" soffia questa volta in Oklahoma, dopo aver percorso il Texas in lungo e in largo durante i Tea Parties. Nonostante il governatore democratico Brad Henry abbia esercitato il diritto di veto su un disegno di legge simile appena 10 giorni fa, la Camera dello stato ha approvato una proposta che ribadisce la sovranità dell’Oklahoma; e che, questa volta, non ha bisogno del sì del governatore. Kris Steel, presidente pro tempore della Camera dello stato, è ottimista, e ritiene che la risoluzione "HCR 1028" sarà approvata anche dal Senato dell’Oklahoma. La norma ha lo scopo, ha spiegato il suo autore, il repubblicano Charles Key, di dire al Congresso di "tornare a esercitare i propri ruoli stabiliti dalla Costituzione".

La richiesta, rivolta al governo federale, è anche quella di "smettere e desistere" dall’esercitare poteri che vanno al di là di quelli stabiliti dalla Costituzione. Secondo Key le leggi federali violerebbero infatti spesso il decimo emendamento, che afferma che i poteri non espressamente delegati al governo degli Stati Uniti "sono riservati ai rispettivi stati".

Un esempio di come il Congresso starebbe travalicando i suoi confini, ha precisato il repubblicano, è rappresentato dagli stessi piani di aiuto a favore dei produttori di auto e delle istituzioni finanziarie. "Stiamo dando tutti questi soldi a entità diverse, inclusi i produttori di auto, e ora stanno anche dicendo: Beh, forse è meglio che vadano in amministrazione controllata", ha precisato Key (riferimento alla vicenda Chrysler). "Bene, forse avremmo dovuto permettere a queste aziende di scivolare nella condizione di amministrazione controllata prima di dar loro i soldi dei contribuenti".

Mi sembra fosse dal 1861 che la parola "Secessione" non percorresse in lungo e in largo gli States. Almeno questa volta un nigger c'entra davvero...



27 aprile 2009

Ron Paul, i pirati somali, i diritti fondamentali del'individuo

"I recenti episodi di attacchi dei pirati somali hanno posto molti interrogativi riguardo la sicurezza marittima. Qual è il modo migliore per far fronte a una banda di criminali, che non agiscono per conto di un paese, quando attacco navi private? Da quale giurisdizione sono questi tipi di criminali dovrebbero essere perseguiti? Soprattutto, come possiamo scoraggiare tali attacchi in futuro?

Il Governo di Barack Obama sta già facendo "la voce grossa" con tipiche soluzioni stataliste, come minacciare (diplomaticamente, però!) il debole governo somalo, o qualsiasi governo di qualsiasi paese in cui i pirati si pensi vivano, di interventi militari, nel caso in cui non riescano a controllare la situazione.

Ci sono richieste di aumentare le dimensione della marina militare fino a che non diventi quasi onnipresente su tutti i mari. Sono stato contento di vedere che comunque si è anche affermato che il governo dovrebbe lavorare con gli armatori e il settore assicurativo, per colmare le lacune nei loro sistemi difensivi. Ma temo che tutto ciò sarà presto messo da parte in favore di misure più complicate, interventiste e costose per i contribuenti americani. L'autodifesa è la più ovvia, la più efficace e la meno costosa soluzione, ma quando un governo è abituato a scialaquare soldi non c'è modo di non farglielo fare.

In primo luogo, le persone e le società che si trovano in queste situazioni devono essere in grado di difendere loro stessi. Nel caso di società di navigazione privata, i proprietari e gli operatori devono essere autorizzati a portare armi per scoraggiare e difendersi dagli attacchi. Ma poiché molti governi, compreso il nostro, vietano il porto d'armi nei porti e nelle acque territoriali, per ironia della sorte, è quasi impossibile portare legalmente armi in mare a fine di difesa e per scoraggiare la pirateria.

Tali leggi contribuiscono alla prevedibile situazione che solo i criminali e le navi militari siano armati, rendendo ogni nave facile preda dei cirminali. Sono fermamente convinto che il diritto umano fondamentale di auto-difesa sia il miglior deterrente sia contro la pirateria che contro il terrorismo, ed è per questo che ho sostenuto dopo l'9/11 che bisognerebbe consentire ai piloti di essere armati. Un governo che bandisce le armi è un governo che incoraggia la criminalità.

La seconda linea di difesa dovrebbe essere invitare Congresso ad agire all'interno della Costituzione, abbandonando il ricorso a rappresaglie, lasciando campo libero ad organizzazioni private che possano agire, difendendo gli equipaggi e catturarando i pirati.  Ciò potrebbe garantire una maggior sicurezza in mare,  non peserebbe sulle nostre relazioni internazionali , e non aumenterebbe i costi della Marina Militare.

Questi criminali non dovrebbero avere la possibilità di rubare, terrorizzare e uccidere a loro piacimento in tutto il mondo. Ma dobbiamo essere saggi nelle nostre reazioni a questi eventi, e non peggiorare la situazione con aumenti di spesa pubblica e campagne militari".

Ron Paul





Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ron paul barack obama

permalink | inviato da InVisigoth the mad Irish il 27/4/2009 alle 11:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa


19 aprile 2009

Venti di secessione

Il piano di Barack Obama, tutto all'insegna della tassazione e dell'aumento della spesa pubblica, oltre che inutile (segnali di ripresa già ci sono senza alcun piano), dannoso (come ogni intervento statale) e illiberale (come ogni intervento statale), ha avuto però l'indubbio merito di ricompattare da nord a sud un intero fronte anti-intervento governativo che, in periodo di crisi, rischiava di non trovare una base comune di lotta contro quest'America così diversa dal volere dei Padri Fondatori.

Sono stati almeno 800 i Tea Party Rally in tutta la nazione, e quello che più ha interessato è stato senza dubbio quello di Austin, in Texas, cui ha partecipato il Governatore Rick Perry. Che non ha ha minacciato la secessione - come erroneamente riportato dai media - ma ha spiegato che è un pensiero comune a molti texani.


"Il Texas è un luogo unico - ha detto Perry - quando siamo entrati nell'Unione nel 1845, una delle clausole è che se potessimo uscirne qualora avessimo voluto. La mia speranza è che l'America, e Washington in particolare, prestino attenzione: abbiamo una grande Unione, e non ci sono motivi per dissolverla".

"Ma se Washington continua a prendere in giro il popolo d'America, chi può sapere come reagirà il Texas? Siamo spiriti liberi e indipendenti".

"Il Texas oggi vuole aiutare l'Unione per uscire insieme da questa crisi. Io personalmente sto cercando di far sì che a Washington prestino attenzione al 10° emendamento (i poteri che non sono delegati dalla costituzione al governo federale e che non sono proibiti agli stati, sono riservati agli stati e al popolo, ndr). Siamo sia americani che orgogliosi texani, e faremo tutto il possibile affinché l'America torni in pista".

Fra i Tea Party più pittoreschi, proprio uno di quelli svoltosi in Texas, precisamente a Fort Worth, il luogo "dove comincia in west", in cui è stata inscenata anche una secessione con tanto di dichiarazione di indipendenza.





9 marzo 2009

cosa succede nel mondo (libertario americano)

Mentre non passa ormai giorno in cui il neoprez Barack Hussein Obama non sblocchi qualche finanziamento pubblico per qualcosa, il mondo libertario americano si sta organizzando di conseguenza, anche se anziché cercare l'unità in iniziative condivise la maggior parte delle frange libertarie per il momento sta seguendo strade proprie.

Il Libertarian Party affronterà la primavera con in archivio tre piccolissime, ma incoraggianti vittorie. La prima, l'incremento di voti alle ultime presidenziali rispetto al 2004. "Tutti ci davano per estinti a causa del "Fenomeno Obama" - ha spiegato Donny Ferguson, del Libertarian National Committee - e invece il nostro "terzo partito" ha incrementato i voti". Non solo i voti, ma anche le iscrizioni sono aumentate in questi ultimi mesi. Infine, da metà febbraio nel consiglio cittadino della dodicesima città più grande degli Stati Uniti, Indianapolis, siede un consigliere del LP. Si tratta di Ed Coleman, con un'ampia base di consenso elettorale, dimessosi dal GOP e approdato fra i libertarian dopo il tradimento "che il partito repubblicano ha posto in essere rispetto ai suoi ideali".

Probabilmente quest'ultima vicenda potrà apparire più interessante al rinnovo delle amministrazioni, se Coleman venisse comunque confermato in Consiglio.

Chi non tornerà nel LP è Christine Smith, ronpaulista nonché fra i candidati più suffragati nelle ultime primarie del partito, ma non scelta come candidata presidenziale - insieme a tutti gli altri - dai delegati nella convention di quasi un anno fa a Denver, in Colorado. Molti sostenitori l'hanno invitato a rientrare nel partito dopo le dimissioni in polemica con la nomina di Bob Barr, un candidato non con tutti i torti definito non libertario. "Eravamo 11 candidati libertari - ha spiegato - ma i delegati con un colpo di mano hanno nominato chi non è mai stato libertario. Hanno perso di vista i veri valori libertari americani, lo hanno trasformato in un partito corrotto. Appoggerò  nelle elezioni locali qualunque candidato veramente libertario, che sia o no del LP non importa: aiuterò l'individuo, non il partito".

Si attendono poi notizie dalla Libertarian Reform Caucus, il gruppo di attivisti che, allo scopo di riformare radicalmente e dall'interno il mondo libertario americano e il LP, hanno raccolto tesi, idee e progetti in giro per l'America, da esaminare quest'anno in vista della Convention del 2010.

Ron Paul, infine, sta girando varie trasmissioni nella Nazione per spiegare gli obiettivi della Campaign 4 Liberty: al momento non mi risultano, a breve termine, azioni in "grande stile".



sfoglia     agosto       
 

 rubriche

Diario
old and new frontiers
Native Americans
sea and navigation
hunting and fishing
paranormal activity
rogues: vigilantes, outlaws, and BHs
libertarian things
XXI Century: American Dream is alive
2nd Amendment
gangs of USA
Letterman and friends
ecology
photography

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

SPIN OFF
Wolverines!!! (tumblr)
Gaelico - Celtic Spirit
_
_
RON PAUL 4 PRESIDENT
r3VOLution MARCH
CAMPAIGN FOR LIBERTY
Free State Project
Libertarian Party
Constitution Party
_
_
Gun Owners of America
Irish American Unity Conference
We are Irish (Canadians)
_
_
Movimento Libertario
_
_
VERY INTERESTING BLOGS
Astrolabio
Atlantic People
Briganti & Libertari
Country Girl
El Boaro
Era Volgare
Il camper di Lontana
Illaicista
Ismael
Italian Bloggers 4 Ron Paul
Joey Atroce
Leonardo Butini
Liberali per Israele
LiberEmanuele
LibertArian
Live at Sin-é
Mapù
MauroD
MolotovCocktail
NomeDelBlog
Orpheus
Pieroni, sinistra libdem
PolitiCrack
Progetto Galileo
Residenclave
Sgembo
Siro
Stato Minimo
Stelle A Strisce
The Five Demands
Venetia Libertarian
Yoshi
Z3ruel

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom

Photobucket Photobucket Photobucket