Blog: http://coast2coast.ilcannocchiale.it

Il NY Times: "Rudy Giuliani? un bandito"

Il NY Times, in quest'articolo di ieri scritto a quattro mani da Mike Powell e Russ Buettner, descrive l'ex sindaco della Grande Mela come una sorta di bandito che usa il potere per spietate vendette personali. "Giuliani ha fatto della rappresaglia uno stile di vita", ha scritto il quotidiano newyorchese citando Matthew Brinkerhoff, avvocato di una rispettata organizzazione per gli homeless e i malati di Aids che l'ex sindaco aveva "preso di mira" dopo che i suoi attivisti avevano usato la sua fotografia in una protesta contro il comune. "Preso di mira" non è una metafora: nel 1998 la polizia di New York su ordine di Giuliani dispiegò elicotteri e tiratori scelti sui tetti di Manhattan per intimidire una protesta di attivisti del gruppo. Tutto per una foto, a spese del contribuente e contro la legge. Casi del genere si contano a decine: dal tassista James Schillaci che aveva osato rivolgersi a un giornale per denunciare un abuso fatto dai poliziotti a un semaforo rosso del Bronx e che si era visto sbattere in galera con la scusa di una vecchia infrazione stradale, al predecessore di Giuliani, Ed Koch: non c'era buon sangue tra i due e il ritratto ufficiale di Koch venne rimosso senza troppe cerimonie dalla Blue Room del municipio. "Mi è andata bene che Rudy non ne ha fatto un falò bruciandolo con il Primo Emendamento che protegge la libertà di parola", ha commentato l'interessato in una recente intervista.

Bene bene bene... Ennesimo capolavoro dell'italoamericano. Prima l'attribuire solo a se stesso l'intera gestione della città post  9/11 (era  salito anche lui con i pompieri sul WTC poco prima del crollo, lo sapevate? Ma lui sapeva volare e si è salvato). Poi la fantastica tattica di puntare solo sugli stati con più delegati alle presidenziali, presentandosi in questi stati con l'immagine di uomo forte che ha preso finora sei sberle nei denti (molto macho, in effetti...), con persino il simpatico Duncan Hunter che finora ha più delegati di lui (effettivamente, un immagine proprio da uomo forte, mica da rincoglionito). Adesso queste chicche come ciliegina sulla torta.

Posso concludere 'sto post in tre modi:

1) Meno mogli e meno cazzate sono basilari per essere candidati credibili alla Casa Bianca. Non si capisce bene se il mormone sia Romney o Giuliani, visto il numero di concubine del secondo.

2) certi italians anziché alla Casa "Bianca" dovrebbero pensare alla farina "bianca" per la pizza.

3) Dal film di Spike Lee Do the right thing: "italiano del cazzo, pizzaiolo, mangiaspaghetti... Vic Damone, Perry Como... Luciano Pavarotti, 'O sole mio', coglione, e neppure sai cantare"

Fatemi sapere quale preferite.



Pubblicato il 23/1/2008 alle 16.7 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web