Blog: http://coast2coast.ilcannocchiale.it

La Groenlandia verso l'indipendenza

Ieri si è svolta a Nuuk, capitale della Groenlandia, una cerimonia storica, che rappresenta l’ultimo passo prima dell’indipendenza formale della più grande isola del mondo. Nelle mani di Josef Motzfeldt, primo ministro e presidente del parlamento groenlandese, è stato consegnato dalla regina MargretheII che per l’occasione vestiva gli abiti tradizionali inuit, il documento che consegna l’autoregolamentazione.

Un accordo complesso che prevede il mantenimento degli aiuti da parte della Danimarca, ma consegna piena autonomia al parlamento groenlandese sullo sfruttamento delle risorse di cui è ricco il territorio (petrolio, oro, diamanti, uranio), sulla politica fiscale ed economica, e una larga parte della politica estera, ma sopratutto con il nuovo statuto viene dichiarato che i groenlandesi sono un popolo, e che quindi sarà da ora riconosciuto come tale nelle sedi internazionali e potrà far valere il suo diritto di autodeterminazione. na quasi-indipendenza, quella consegnata ora, che la Danimarca cerca di limitare per timore che  gli USA facciano entrare la Groenlandia nella loro sfera d'influenza.

Con una popolazione di soli 57000 abitanti, soffre di tassi di alcoolismo e suicidi molto alto, tasso che il primo ministro confida di poter ridurre grazie alla ridefinizione delle leggi grazie a questa estesa autonomia. Non è un percorso facile, anche perché i groenlandesi dipendono ancora dalla Danimarca per il personale più qualificato, che presenta drammatiche differenze con la popolazione locale fatta in prevalenza di cacciatori-pescatori.

(tratto da pnveneto.org)


L'Erfalasorput, la bandiera della Groenlandia

Pubblicato il 22/6/2009 alle 23.57 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web